Apparten’ o buttone

Ed eccomi qui signore e marito,  al mio resoconto del Giovedì sera, vittoriosa dopo una nuova riunione Weight Watchers!

La mia vittoria è molteplice a sto giro ed i grammi persi sono solo un contorno a diverse soddisfazioni che ho avuto stasera, ma andiamo per ordine!

Stamattina mi sono pesata  a casa e la mia bilancia segnava un kg in meno! Ottimo inizio, anche perché questa settimana ho fatto diversi sgarri  alimentari seri! Maritemo è fuori per lavoro e quindi nel fine settimana scorso, prima che lui partisse abbiamo voluto provare un nuovo ristorante etnico ed abbiamo sforato parecchio dalla dieta, soprattutto perché abbiamo scelto una frittura mista, tra gli altri piatti ( se ammà sgarrà s’addà fa bbuon’!). Poi ho avuto un incontro con amici per un paio di coffee breack e quando ti invitano per un caffè qua, non te la cavi con il solito espresso (che tra l’altro qui non bevo, perché eccetto che in un bar italiano, gli altri fanno veramente schifo!); la pausa “caffè” in Irlanda la usano come sostituto del pranzo, quindi vicino c’è sempre un dolce, nel mio caso una bella fettona di torta alle nocciole (sempre per il discorso, se sgarramm’ facimmel bbuon!). Poi c’è stato un altro invito a casa di amici ed ho ceduto ad altri dolci e dolcetti seviti con il tè. Quindi, dopo una settimana così, anche se ho cercato di incrementare un po’ la mia attività fisica, mi aspettavo un risultato minore, se non addirittura nullo, ed invece signore mie, anche la Suprema ha confermato la mia perdita di peso. Oddio, la Suprema, che è sempre un po’ stronzetta, mi ha detto “No, non è un chilo tondo, ma sono 900 gr!”, ma a me vanno bene lo stesso! Le mie vittorie però come vi ho detto oggi non si sono fermate qui. Vi ho detto che maritemo  è via per lavoro e quindi oltre ad una serie di impegni mondani per sentire meno la sua mancanza (il gatto non c’è ed i topi ballano!), ciò ha implicato che andassi alla riunione Weight Watchers da SOLA!

E’ la prima volta che sono andata ad una riunione WW senza di lui, abbiamo iniziato insieme infatti, siamo complici in questo cammino e da soli non c’è mai stata necessità di andarci. La cosa implicava altre due cose: punto prima, guidare io la macchina sino alla scuola dove si svolge la riunione. Punto secondo, dover affrontare tutta la riunione in inglese senza nessun aiuto per la traduzione! Ora, signore mie, mi direte riguardo il punto uno: e che ce vò ad andare in macchina da sola! Bene,vorrei ricordarvi che qui in Irlanda c’è la guida a destra, che sì, ho imparato a guidare a Napoli, e chi guida a Napoli, sa guidare OVUNQUE, ma resta sempre che noi guidiamo a sinistra! Inoltre di notte, da brava cecata, non è il massimo guidare per me! Comunque sono arrivata e ritornata a casa sana e salva! Al ritorno ho rischiato di mettere sotto un paio di obesi, ma sono riuscita a non appiattirli su l’asfalto, quindi anche a loro gli toccherà di frequentare ancora le riunioni WW!

Il punto due, lo scoglio della lingua è andato meglio del previsto. Ho capito quasi tutto quello che si è detto e sono anche intervenuta durante la riunione bullandomi dei miei trenta minuti giornalieri di cyclette, o credo almeno di essermi bullata, spero di non aver detto qualche stronzata!

Oggi alla riunione si è infatti parlato di movimento, della sua importanza nella dieta e dei suoi benefici sulla salute , come l’abbassamento della pressione sanguigna, oppure sulla sua influenza positiva su l’umore e tantissimo altro (vi riconsiglio di leggervi il mio post Move it per avere qualche idea su come iniziare a fare movimento). Inoltre la leader ha regalato ad ognuno di noi un bottone!

picsart_01-26-10-41-36

Esattamente, un bottone e ci ha detto di guardarcelo durante questa settimana per ricordarci che se sgarriamo ed ingrassiamo, il “bottone” dei nostri pantaloni potrebbe andarci più stretto, meno confortevole, potrebbe cedere. “Quindi c’ha dat’ ‘o button’ e riserv’!“, ho pensato io. Invece no, lo dobbiamo conservare come una sorta di memento per restare a dieta durante la settimana senza fare sgarri. Ogni volta che abbiamo voglia di qualcosa di diverso non concesso dalla nostra dieta, dobbiamo guardare il bottone, per ricordarci che ingrassando o non dimagrendo potremmo sentirci a disagio con noi stessi.

A Napoli, un tempo si diceva “Apparten ‘o buttone” quando si indicava un individuo che apparteneva ad una sorta di confraternita, generalmente malavitosa; poi negli anni indicò le persone di un particolare partito politico potente o una lobby. Ad ogni membro veniva dato un bottone, che era uguale per tutti i membri del gruppo di appartenenza.  Non credo che la leader sapesse questi retroscena culturali partenopei quando ci ha dato un bottone a testa, ma noi li conosciamo, quindi signore mie prendete ‘o buttone ed unitevi a me nella lobby degli obesi che vogliono perdere peso e comunque un bottone di riserva può far sempre comodo, o no?!

Annunci

7 thoughts on “Apparten’ o buttone

  1. Merylu bravissima per la pesata sulla suprema!!! 😀
    ps: ma io ho messo commenti sotto ad altri post che però non vedo 😦 Non è che non li hai accettati? Controlla sul pannello di amministrazione del blog. uffa…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...