Pesata del 20 Luglio e ricetta della Piadina light

Buon pomeriggio signore mie e marito.

Ieri c’è stata una nuova pesata WW e questa volta c’è stata anche la riunione. La Suprema dopo la mazziata della settimana scorsa è stata più clemente della Tapina e mi ha sentenziato 200 gr in meno che, visto il mio giro ormonale in corso, è tutto grasso che cola via da me!

Ed è proprio a proposito dei 200 gr in meno su cui vorrei ragionare con voi.

Quando si perde poco peso nonostante si stia a dieta ci possono essere diversi motivi, per esempio il metabolismo sta attraversando una fase di calma piatta e si sta assestando sul peso raggiunto, stiamo attraversando una fase ormonale che ci porta ritenzione idrica, oppure stiamo mettendo su massa muscolare, stiamo facendo qualche sgarretto in più, magari abbiamo allentato un po’ l’attenzione e non calcoliamo esattamente le porzioni ed andiamo ad occhio (chissà perché il nostro occhio calcola sempre in eccesso piuttosto che in difetto, se mett’ paura e nun verè ‘o cibo!). Insomma i motivi sono vari, ma NESSUNO di questi vi deve far scoraggiare! NON MOLLATE solo perché vedete che fate piccolissimi passi avanti, ricordatevi che passo dopo passo avete imparato a camminare da bambini, esame dopo esame avete terminato gli studi, nulla vi è stato servito tutto e subito nella vita, passo dopo passo avete raggiunto i vostri grandi traguardi e così sarà per il vostro dimagrimento. Grammo dopo grammo vi tramuterete in una persona diversa e più sana! Non cercate una dieta miracolosa che tagli a fette il grasso dal vostro corpo, ma cercate di imparare uno stile di vita alimentare sano ed equilibrato in porzioni, scelta di cibo ed uso del condimento. Fate un po’ di attività fisica al giorno, mezz’ora è sufficiente per tenere attivo il vostro metabolismo e se la bilancia continua a demoralizzarvi NON PESATEVI! Non permettere ad un oggetto di scoraggiarvi, non sono quei numerini riportati là che faranno la differenza! Lasciate che siano i vestiti a parlare con voi, lasciate che sia quel cappotto che ormai vi tirava sul seno a parlare, perché ora vi scende proprio bene, ascoltate quel jeans che quando lo indossavate quasi non respiravate più ed invece ora vi calza bene, quel passante della cinta messo più stretto vi sta applaudendo, non lo sentite? Insomma, NON SCORAGGIATEVI se una settimana non dimagrite, se mettete su qualche etto, se perdete lentissimamente, perché DOVETE ascoltare quel tutto intorno a voi che vi sta facendo gli APPLAUSI, perché ci state riuscendo, state diventando ciò che VOI VOLETE ESSERE, passo dopo passo, con i vostri tempi ed i vostri BRILLANTI risultati!

Alla riunione si è parlato un’altra volta della colazione, ormai gli argomenti sono gli stessi ed un po’ si ripetono, ma ogni tanto fa anche bene dare una spolverata a cose che già sappiamo.

Ebbene, riguardo la colazione si è detto che è il pasto più importante della giornata, che bisogna variarla molto, e che bisogna inserire un po’ di tutto (carboidrati, proteine e frutta). Il discorso di variare i pasti in generale è FONDAMENTALE per il successo di una dieta, perché variando cibo non ci si stanca. Provando nuove ricette mangiamo sempre qualcosa di nuovo e siamo anche meno tentati a mangiare fuori ed a sgarrare dalla dieta, proprio per questo motivo io seguo tanti gruppi su FB di cucina, mi danno suggerimenti ed idee di ricette che poi posso riadattare secondo gli standard alla WW.  Uno dei gruppi che seguo è quello di Il Club di Mangia senza Pancia, dove partecipano diverse persone che seguono la dieta WW.  In una discussione è stata data la ricetta della Piadina fatta in casa ed ho provato a fare la mia versione!

Provatele anche voi perchè sono  riuscite benissimo e sono, con le mie dosi, solo 4 SP a piadina (considerate che quella in busta preparata in maniera industriale è tra i 6 ed gli 8 SP a piadina!).

Piadina leggera (dosi per 4 piadine grandi quanto un piatto piano, 4 SP l’una)

160 gr farina 00

100 ml acqua a temperatura ambiente

Un pizzico di sale

Procedimento:

Mischiate acqua, farina e sale, ottenete un panetto di pasta. Lasciatelo riposare per una mezz’ ora, poi dividete il panetto in quattro palline.

Ogni pallina disponetela su un foglio di carta forno in modo che sia più semplice stenderla e con il matterello ottenete un disco.

piada1

Nel frattempo fate riscaldare sul fuoco una piastra di ghisa o una padella per crepes, quando sarà bella calda, stendeteci sopra il disco di pasta e bucherellatelo con una forchetta in modo che con il calore non si gonfi, fatelo cuocere per un paio di minuti per lato. Ripetete l’azione con le altre palline di pasta.

piada3

Una volta cotte aspettate che si freddino, a questo punto potrete usarle subito imbottendole con quello che più vi piace oppure conservarle in frigo per un paio di giorni, in questo caso vi consiglio di mettere un po’ di carta forno tra una piadina e l’altra in modo che venga assorbita l’umidità della piadina e non si spugni mentre è in frigo.

piada4

Queste piadine non avendo grassi aggiunti come lo strutto, oltre ad essere più ipocaloriche rispetto a quelle in commercio sono anche buone per chi ha un’alimentazione vegetariana/vegana. L’odore è buonissimo e resistere alla tentazione di assaggiarle in fase di cottura è stato davvero difficile!

Enjoy!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...