Pesata del 14 Dicembre: Christmas Party Light

Buona sera signore mie e marito!

Come vi avevo anticipato la settimana scorsa, ieri sera alla riunione c’e’ stato il party natalizio tra noi obesi della Weight Watchers con tanto di bouffe’ ipocalorico di tutto rispetto!

C’erano muffins e scones versione leggera e la malefica Proteinella, cioe’ la versione light della Nutella. Questa crema al cioccolato, infatti, ha la meta’ degli smart points della Nutella, quindi mangiarne un cucchiaino non sarebbe un gran danno, se restasse tale! Il vero problema infatti e’ proprio il riuscire a fermarsi dopo SOLO un cucchiaino!

PicsArt_12-15-12.12.27

 

Alla fine del party mangereccio c’e’ stato anche un giochino a quiz (io odio i giochi a quiz in generale ed a maggior ragione se sono in inglese!)  e l’estrazione del vincitore bel famoso PACCO IRLANDESE (pari solo all’ altrettanto famoso “pacco napoletano”), che ovviamente io e maritemo non abbiamo vinto.

PicsArt_12-15-04.50.06

Ieri la Suprema e’ stata molto generosa e mi ha dato un bel chilo e mezzo in meno!

Non altrettanto generosa e’ stata con me la leader, che durante il quiz mi ha trattato in maniera sbrigativa perche’ non avevo subito capito la domanda che mi aveva posto.

Ecco, se normalmente ci passo  sopra sul fatto che spesso e volentieri lei ha difficolta’ a comunicare con me ed invece di prendersi un paio di minuti in piu’ per farsi capire o capirmi, mi sbriga  frettolosamente, questa volta vi diro’ signore mie, ci sono rimasta male.

Come potrete immaginare non e’ semplice partecipare ad una riunione dove ti trovi con una ventina di persone che parlano una lingua che non e’ la tua. Le voci che ascolti si accavallano tra loro,  gli accenti  sono diversi, la leader parla davvero veloce ed a volte sbiascicando le parole, le battute che vengono fatte durante la riunione spesso sono su argomenti che non conosci, perche’ essendo di un’altra nazione hai un background diverso dal loro, aggiungici l’ansia dell’interrogazione davanti a tutti ed il fatto che io non parlo inglese quotidianamente, pur vivendo all’estero, quindi non ho la spigliatezza che puo’ invece avere maritemo che si esercita al lavoro almeno dieci ore al giorno, cinque giorni su sette, partecipare alla riunione WW e’ dunque per me davvero un esercizio con alta difficolta’, ma lo faccio lo stesso, mi metto in gioco e ci provo a fare del mio meglio.

Lo faccio nella stessa maniera in cui mi sono messa in gioco quando ho scelto di fare il corso di gioielli, con altre donnine di madre lingua inglese, dove anche li’ di figure barbine ne faccio a bizzeffe, ma le metto in conto, mi carico di autoironia e d’ intraprendenza e tiro dritto per la mia strada.

La stessa intraprendenza la uso quando vado ad uno spettacolo teatrale in inglese o al cinema a vedere un film in lingua originale senza essere sottotitolato, capendo magari bene il 50% dello spettacolo ed intuendone il restante, ma ci vado, perche’ mi metto in gioco ogni giorno e provo comunque ad arricchire il mio bagaglio culturale pur vivendo in un paese dove la lingua non mi aiuta.

La stessa intraprendenza ed autoironia la uso anche ogni volta che comunico in inglese, dal medico, con i commessi, con i miei amici irlandesi.

Ieri sera pero’ non e’ stato cosi’ semplice per me perche’ la leader mi ha fatto sentire, forse per la prima volta da quando sono qui in Irlanda, come una straniera, lontana dalla sua terra, lontana dalla sua lingua, dalla sua citta’ e dalle sue origini.

Non credo che lei se ne sia resa conto di essere stata  sgarbata, semplicemente aveva fretta di concludere la riunione ed io ed il mio inglese eravamo un ostacolo a quel suo obiettivo, quindi non gliene faccio una colpa piu’ di tanto, pero’ mo signore mie la tengo puntata e se prima mi facevo qualche remora ad interromperla quando parlava e non la capivo, adesso, diventero’ il suo incubo. Ad ogni battuta che non capisco, ad ogni concetto che non afferrero’ subito perche’ parla troppo in fretta alzero’ la mia manina e le diro’ candidamente:

“Sorry, could you repeat it slowly please? You know it, I’m Italian…”

Ma non e’ finita qui, perche’ NESSUNO PUO’ METTERE BABY  IN UN ANGOLO!

3662d19a5dc6cc0c2c68cca7ce86f407-dirty-dancing-via

 

Poiche’ lei non immagina nemmeno che dietro al mio inglese sconclusionato e’ celato un gioiello di persona piena di talenti nascosti (molto nascosti) ossia:  una blogger  con un seguito impressionante di followers (maritemo, che mi legge perche’ controlla cosa scrivo su di lui; mia sorella insegnante di lettere, che ha la deformazione professionale e  mi legge per correggere i miei errori ortografici e qualche altra generosa ed affezionata amica di gioventu’), nonche’ una creatrice di gioielli meravigliosi, ho deciso che alla prossima riunione, iniziero’ a svelarle alcuni dei miei talenti portandole come regalino di Natale una mia creazione accompagnata da un bel biglietto d’auguri con su scritto:

“I wish you a Merry Christmas and thanks a lot for your patience with me and my English. Take care… cia’ cia’ cia’”

A buon intenditore poche parole!

 

 

 

Annunci

2 risposte a "Pesata del 14 Dicembre: Christmas Party Light"

  1. tsk tsk io pure ci sono come affezionatissima follower e ricevo gli updates per email addirittura!!! E non rientro nelle categorie che hai menzionato, quindi voglio una dedica nel prossimo post!! Ovviamente scherzo!!!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...